A tutto Tangram!

14.01.2021

Il tangram è un gioco rompicapo cinese. È costituito da sette tavolette (dette tan) inizialmente disposte a formare un quadrato.

I sette tan sono

  • due triangoli rettangoli grandi
  • un triangolo rettangolo medio
  • due triangoli rettangoli piccoli
  • un quadrato
  • un parallelogramma

Lo scopo del puzzle è quello di formare una figura utilizzando tutti i pezzi senza sovrapposizioni.


Origine

La leggenda all'origine di questo gioco narra che un monaco donò ad un suo discepolo un quadrato di porcellana e un pennello. Portandolo in giro per il mondo l'allievo doveva rappresentare su di esso attraverso i colori le bellezze che incontrava. Sfortunatamente il quadrato cadde e il discepolo si trovo con 7 pezzi separati, capì però che anche con quelli poteva rappresentare il mondo al meglio, l'importante era saperli accostare tra di loro nel modo giusto. Nacque così il gioco che si è tramandato fino ad oggi.

Nell'insegnamento della geometria, un Tangram può essere utilizzato per

  • modellare una forma data prescritta, e quindi mettere in pratica l'immaginazione costruttiva, la percezione delle forme geometriche e delle loro proprietà, oltre a percepisce il concetto di area;
  • riempire con i pezzi una superficie delimitata, e quindi confrontare i bordi delle forme, immaginare forme geometriche, la loro dimensione e posizione nello spazio, la stessa forma in differenti posizioni spaziali, "percepire" il parallelo e il perpendicolare. Riescono molto meglio nel loro lavoro se la forma assegnata è data tramite il suo bordo.
  • esercitarsi su aree, perimetri, simmetrie assiali e similitudini di forme, per provare il teorema di Pitagora e nella rappresentazione di numeri razionali. Contribuisce anche a fare pratica con le trasformazioni isometriche.


Se invece vuoi provare a costruirlo con noi ecco il video dell'Open Lesson!

E ora con il tuo Tangram puoi provare a comporre le figure qui accanto di cui vedi solo le ombre...

... ci sei riuscito? Qui accanto trovi le soluzioni, divertiti a costruirle tutte!